Sostenibilità ed economia circolare

Sostenibilità ed economia circolare

Radio Nostalgia - Contact

Co.ntact Puntata 1 – Sostenibilità ed economia circolare

CO.NTACT | PUNTATA 1

Sostenibilità ed economia circolare: parola a Marco Rossini, presidente di Rossini Trading.

Sostenibilità ed economia circolare

È Marco Rossini il primo ospite della nuova rubrica Co.ntact, il podcast audio e video del Gruppo Radio Number One che dà voce alle aziende e alle realtà del territorio che fanno la differenza. Rossini è presidente ed amministratore delegato di Rossini Trading, azienda di Bergamo specializzata nella produzione e commercializzazione di abiti da lavoro e prodotti antinfortunistici.

Il contenuto è disponibile ogni giovedì sulle emittenti Radio Number OneRadio Mille NoteRadio 19Radio Bergamo, Radio Nostalgia e sui rispettivi canali digitali.

Contatti Co.ntact

Contatti Co.ntact

Radio Nostalgia | Contact

Vuoi essere Co.nnesso con Co.ntact ?

Scrivici una mail

Co.nnettiti

Co.llegati

Privacy

Ricezione Aggiornamenti.

2 + 13 =

CO.NNESSI con la realtà del territorio

Un contenuto innovativo edinamico dal taglio giornalistico ma anche editoriale di intrattenimento e commerciale. CO.ntact racconta collaborazioni, diffonde conoscenza e consapevolezza. Il suffisso CO. a disposizione della condivisione. Una rubrica utile ed essenziale, vicina ai fruitori e alle aziende e che permette di dare voce e diffondere contenuti autorevoli e mirati, esperienze ma anche aiuto, didattica e supporto.

IL PUNTO di PINUCCIO BRENZINI

IL PUNTO di PINUCCIO BRENZINI

Buona giornata a tutti i grifoni del mondo finalmente si è ripreso a giocare alla ricerca di quella normalità che il Covid non ci può concedere nella vita di tutti i giorni e tantomeno nel campionato di calcio che come sappiamo è una nave che non si può fermare pena l’affondamento immediato per…mancanza di carburante!

Il Genoa fa la partita che ti auguri ma che fai fatica ad immaginare: gioca con una formazione quasi obbligata dagli eventi e Maran si arrangia come può con i titolari rimasti e un manipolo di ragazzini.

Gli ingredienti sono questi e non si può discutere e il “cuoco Maran” prepara un minestrone tutt’altro che male con una difesa registrata a dovere con al centro una torre in bella evidenza come Zapata e ben assistito da Masiello e Banni (poi rilevato da Goldaniga).

In mezzo non al meglio Badely ma un eccellente giovane diciottenne Rovella che mette in mostra tutta la sua qualità e la sua personalità da veterano insieme a Radovanovic bene gli esterni più Ghiglione di Czyborra. Davanti Pandev non e’ certo una sorpresa mentre Shomurodov, l’uomo venuto dall’est, incuriosisce per la sua duttilità ovviamente da rivedere nelle prossime occasioni dopo essere stato portato simultaneamente dalle steppe dell’Uzbekistan al campionato di serie A: interessante prospetto Il punto (non si sarebbe rubato nulla se fossero stati tre) è tanto importante per la classifica quanto per l’atteggiamento mostrato dalla squadra : impossibile al momento chiedere di più a chi si è dovuto destreggiare in un territorio sconosciuto e minato come quello del Covid e in questo un plauso va dato alla truppa e al Generale Maran che ha saputo gestirla con inserimenti di primavera come Eyango (in sostituzione di Rovella) che lasciano ben sperare per il futuro.

Adesso l’Inter, cliente difficile e auspichiamo magari anche stanco dopo l’impegno di Coppa di questa sera contro il Borussia Moenchengladbach che richiama antichi fantasmi dei primi anni Settanta con la lattina che colpii alla testa Roberto Boninsegna …ma questa e’ un’altra storia…

Alla prossima Grifoni nel mondo e..grazie alla Mamma che ci ha fatto genoani!

Pinuccio Brenzini

IL PUNTO di PINUCCIO BRENZINI

IL PUNTO di PINUCCIO BRENZINI

IL PUNTO di PINUCCIO BRENZINI

Carissimi radioascoltatori di radio Nostalgia ci siamo lasciati dopo la cosiddetta disfatta di Napoli dove non riuscivamo a capire il perché il Genoa fosse incappato in un simile secondo tempo …beh con un po’di ritardo forse lo abbiamo capito.

Un Genoa costretto dagli eventi legati al Covid 19 che lo hanno portato a ritardare la partenza per Napoli al primo mattino della domenica dopo aver terminato di effettuare tamponi fino a tarda notte e ottenendo il solo “regalo” di posticipare la partita di tre ore: un Genoa malato che il giorno dopo con 22 tesserati positivi ci svelerà il perché dell’accaduto…lo spirito sportivo e di accettazione delle regole della squadra rossoblù si è dovuto poi scontrare con le scelte ben più calcolate del Napoli che con soli due positivi decideva di “farsi proibire” dalla ASL locale di partire per Torino e quindi non giocare il match contro la Juventus…

Conclusione il non aver rispettato le regole della lega calcio al momento vede il Napoli in attesa di giudizio e con la possibilità che non venga neppure comminata sconfitta a tavolino con relativa penalizzazione di un punto giudizio sospeso al momento che stride apertamente con le regole da poco accettate anche dalla società azzurra Insomma il solito pasticcio all’italiana dove le squadre più titolate cercano di andare oltre le regole a dispetto di tutto e di tutti.

Allora diciamo noi se il Napoli non verrà penalizzato allora anche la partita tra Napoli e Genoa dovrà essere ritocata ne va della credibilità di questo campionato che rischia pesantemente di essere falsato.

Ci risentiamo alla prossima partita con il Genoa impegnato a Verona il 19/10 e con il recupero di Genoa Torino il prossimo 4 Novembre.

Con quale squadra vista la situazione Covid che ha colpito il Grifone, ancora purtroppo non è possibile prevederlo…

Monitoriamo giornalmente gli eventi clinici dei Maran boys e poi capiremo

Un grazie alla mamma che ci ha fatto genoani e …a presto

Pinuccio Brenzini