Il Punto di Pinuccio Brenzini

Cari Grifoni nel mondo col Genoa non si può davvero mai come si suol dire “dormire tranquilli”

Vedi un grifone nel derby tosto e determinato, ben registrato in difesa e capace di colpire con ripartenze del centrocampo e con in attacco un centroavanti vero come Scamacca forte e capace di fare ” a sportellate” con l’intera difesa; vedi insomma una squadra che si batte e che ha un suo gioco ben equilibrato nei vari reparti (migliore nel primo tempo a dirla tutta ma tutt’altro che male nella ripresa anche se forse nella seconda parte gli avversari hanno avuto qualche occasione in più per segnare)

 

Davanti all’ottimismo della ragione per aver superato brillantemente l’impresa Derby dopo le tante incognite anche legate al Covid, arriva la partita che non ti aspetti nel recupero con il Torino: la squadra di Giampaolo arriva da un momento difficile e avaro di punti (un solo punto in classifica per i granata) seppur consci di non essere a quei livelli infimi, ma Genoa completamente diverso dalla patita precedente e squadra senza equilibrio sin dalle prime battute.

Il Genoa incassa due reti (il secondo è un autogol) già nella prima arte del primo tempo davanti ad un Toro quasi incredulo che ringrazia…

Solo nel finale, ma ormai troppo tardi, il Genoa segna ancora con Scamacca ma non c’è più il tempo di ribaltare il risultato con un Torino che memore delle precedenti partite stava già andando in affanno.

Maran dice che si tratta di stanchezza e dell’impossibilità di reggere tutti questi incontri in pochi giorni con un numero così esiguo di allenamenti e siamo certi che non si tratti solo di una difesa di ufficio, ma attenzione: alla stanchezza si dovrà subito mettere in parallelo anche un equivoco tattico che si presenta per un Genoa troppo brutto per essere vero: la difesa a quattro (così positiva contro i blucerchiati)me diventa forse impresentabile con due “terzini” poco adatti a difendere come Pellegrini (pessima la sua partita per un giocatore fuori condizione) e Ghiglione soprattutto se a centrocampo rimane l’altro equivoco di un Badely non ancora in grado di guidare a dovere il reparto e quindi incapace di mantenere l’equilibrio difensivo ad una squadra troppo sbilanciata Su tutto questo si dovrà lavorare per ritrovare quell’equilibrio tattico che è venuto a mancare e la Roba domenica è già lì che bussa alla porta dopo aver brillato in coppa con una cinquina al Clusy…ma questa è un’altra storia cari Grifoni nel mondo e ve la racconteremo in diretta su Radio Nostalgia domenica alle ore 15 Un caro abbraccio a tutti a quarti rossoblù

 

Pinuccio Brenzini

Share This