I Matia Bazar hanno avuto un impatto significativo sulla musica italiana, definendo il sound degli anni ’80 e ’90. La loro capacità di reinventarsi e di incorporare nuove influenze musicali ha permesso loro di mantenere una carriera lunga e di successo.

I Matia Bazar si formano a Genova, nel 1975 con i membri Piero Cassano (tastiere), Aldo Stellita (basso), Carlo Marrale (chitarra), Giancarlo Golzi (batteria) e Antonella Ruggiero (voce).

Pubblicano il loro primo album “Matia Bazar 1” nel 1976, con il singolo di successo “Stasera… che sera!”.

Nel 1977 partecipano al Festival di Sanremo con “Ma perché”, e pubblicano l’album “Gran Bazar”.

Nel 1983, vincono il Festival di Sanremo con “Vacanze romane”, segnando una svolta verso un sound più sofisticato ed elettronico e successivamente nel 1985 partecipano nuovamente a Sanremo con “Souvenir”.

Nel corso del 1989 Antonella Ruggiero lascia il gruppo per intraprendere una carriera solista; viene sostituita da Laura Valente.

  • 1991: Pubblicano “Anime pigre”, il primo album con Laura Valente.
  • 1998: Piero Cassano rientra nel gruppo dopo un periodo di assenza.
  • 1999: Giancarlo Golzi rimane l’unico membro originale nella formazione.

Anni Recenti (2001-2020)

  • 2001: Partecipano e vincono Sanremo con “Messaggio d’amore”.
  • 2015: Giancarlo Golzi muore improvvisamente. La band continua con nuove formazioni e nuovi album.
  • 2017: La formazione include Fabio Perversi (tastiere), Paolo Gatti (basso), Fiamma Cardani (batteria), e Luna Dragonieri (voce).

Discografia

Anni ’70:

  1. 1976: Matia Bazar 1
  2. 1977: Gran Bazar
  3. 1978: Semplicità
  4. 1979: Tournée

Anni ’80:

  1. 1980: Il tempo del sole
  2. 1981: Berlino, Parigi, Londra
  3. 1982: Tango
  4. 1983: Aristocratica
  5. 1984: Aristocratica Live
  6. 1985: Melò
  7. 1987: Melanchòlia
  8. 1989: Red Corner

Anni ’90:

  1. 1991: Anime pigre
  2. 1993: Dove le canzoni si avverano
  3. 1997: Benvenuti a Sausalito

Anni 2000:

  1. 2000: Brivido caldo
  2. 2001: Dolce canto
  3. 2007: One1 Two2 Three3 Four4

Anni 2010:

  1. 2011: Conseguenza logica

Premi e Riconoscimenti

  • Festival di Sanremo:
    • 1977: Premio della Critica con “Ma perché”
    • 1983: Vincitori con “Vacanze romane”
    • 1985: Premio della Critica con “Souvenir”
    • 1988: Terzi con “Ti sento”
    • 2002: Vincitori con “Messaggio d’amore”
  • World Popular Song Festival: Vincono nel 1984 con “Vacanze romane”.

Curiosità

Nome del gruppo: “Matia” deriva da un soprannome dato ad Antonella Ruggiero, che significa “matta” in genovese. “Bazar” è stato aggiunto per indicare la varietà musicale del gruppo.

Innovazione musicale: Pionieri nell’uso di tecnologie musicali avanzate negli anni ’80, sperimentando con sintetizzatori e suoni elettronici.

Collaborazioni: Hanno collaborato con artisti come Enrico Ruggeri e Piero Pelù.

Stile e influenze: La loro musica è influenzata da pop, rock, new wave e musica elettronica.

Cambiamenti di stile: Hanno attraversato diverse fasi stilistiche, mantenendo sempre una qualità elevata e capacità di innovazione.

Album Notevoli

Tango (1983):

  • Include “Vacanze romane”, segnando l’inizio della fase elettronica del gruppo.

Aristocratica (1984):

  • Considerato uno dei migliori album, con brani come “Aristocratica” e “Elettrochoc”.

Melanchòlia (1987):

  • Contiene “Ti sento”, un successo internazionale.

One1 Two2 Three3 Four4 (2007):

  • Rappresenta il ritorno del gruppo con una nuova formazione e un mix di sonorità moderne e classiche.

Contributi Individuali

Antonella Ruggiero:

  • Dopo aver lasciato i Matia Bazar, ha avuto una carriera solista di successo, esplorando vari generi tra cui pop, jazz e musica sacra.

Giancarlo Golzi: è anche  il fondatore del gruppo rock progressivo Museo Rosenbach, Piero Cassano è autore e produttore per numerosi artisti italiani, ed ha contribuito a numerosi successi.

Puoi votare le canzoni che preferisci sulla pagina SUPERSTAR

Domenica 14 e domenica 21 Luglio ascolti le canzoni più votate